Il tuo indirizzo IP: Nessun dato · Il tuo stato: ProtettoNon protettoNessun dato

Cos’è il codice CVV e come si protegge?

Anche in Italia gli acquisti online sono diventati la norma, con numeri in crescita del 23% rispetto all’anno precedente e un giro d’affari complessivo superiore a 54 miliardi di euro, secondo le statistiche diffuse da ANSA. In un contesto simile, essere consapevoli delle misure di sicurezza relative alle carte di credito è fondamentale. Un elemento essenziale in tal senso è il codice di sicurezza CVV della carta di credito. Ma cosa significa CVV e come si può proteggere? Questo articolo risponderà a queste domande per fornire informazioni utili ai lettori.

Cos’è il codice CVV e come si protegge?

Cos’è il codice CVV?

CVV è l’acronimo dell’espressione inglese Card Verification Value, letteralmente “valore di verifica della card” che si concretizza in un codice di sicurezza di tre cifre che si trova sul retro della maggior parte delle carte di credito e di debito, come quelle parte dei circuiti Visa e MasterCard.

Con card security code (codice di sicurezza della carta) si fa riferimento a una sequenza di numeri stampata sulla card, oltre al numero principale. Il CSC è uno strumento di sicurezza per proteggere le transazioni digitali, in cui il PIN non può essere inserito manualmente dal possessore.

Cos’è il codice CVV?

Dove si trova il codice CVV sulla carta?

Come visto sopra, nella maggior parte dei casi il codice CVV si trova sul retro della carta di pagamento, a fianco della firma del titolare (fatta eccezione per le card emesse da American Express, in cui il codice è composto da 4 numeri e si trova nella parte frontale, ovvero la “faccia” della carta). È un numeretto a tre cifre, stampato a macchina, che non viene goffrato in rilievo come avviene nel caso del numero della carta della banca online, posto nella parte frontale.

In questo modo, il codice Card Verification Value è meno visibile rispetto a quello principale, così da garantire una sicurezza aggiuntiva.

Perché è così importante il codice CVV?

Il codice CVV viene richiesto durante le transazioni online per verificare che la persona che effettua l’acquisto sia fisicamente in possesso della carta di pagamento. Una misura di sicurezza che ha lo scopo di impedire l’utilizzo fraudolento di numeri di carte clonate o rubate. È una forma piuttosto semplice ma efficace per proteggere chi usa le carte di pagamento contro le frodi: questo perché i criminali possono incontrare molte difficoltà nell’ottenimento di questi codici senza avere la carta in mano.

Esempi reali di truffe legate al codice CVV

Proprio l’importanza di questo codice ha fatto nascere diverse strategie criminali per ottenerlo illecitamente. Sono diversi i metodi utilizzati nel corso degli ultimi anni. Alcuni dei più comuni includono:

  • Phishing via email: cos’è il phishing? Tramite questo approccio, i malfattori inviano email che sembrano provenire da enti finanziari legittimi, chiedendo all’utente di confermare i dettagli della carta, inclusi il numero principale (goffrato sul “fronte”) e il codice CVV.
  • Siti truffa: questi portali, che assomigliano a negozi online legittimi, vengono creati ad arte per rubare i riferimenti numerici della carta di pagamento alle vittime ignare.
  • Ingegneria sociale: le tecniche di social engineering inducono l’utente a rivelare informazioni sensibili, come il codice CVV, attraverso sistemi basati su manipolazione o inganno.
  • Skimming: dispositivi installati fisicamente su bancomat o terminali di pagamento (come i POS che si trovano in quasi tutti i negozi in Italia) per sottrarre illecitamente le informazioni della carta, frapponendosi fra le due parti che intendono completare una transazione in buona fede.

Come si protegge il codice CVV?

Sono molti i consigli che si possono seguire per proteggere il codice CVV:

  • Non condividere il codice CVV con nessuno. Ricorda che le banche non chiedono mai di rivelare questi tre numeri via email, telefono o SMS.
  • Quando fai acquisti online, assicurati che il sito web sia sicuro e affidabile. Verifica che sia presente il simbolo del lucchetto nella barra degli indirizzi e assicurati che l’URL inizi con “https”.
  • Collegati tramite VPN online, soprattutto quando sei connesso a una rete Wi-Fi pubblica. Questa tecnologia aiuterà a proteggere i tuoi dati da occhi indiscreti.
  • Monitora regolarmente il saldo del conto collegato alla tua carta di credito. Se noti attività sospette, contatta immediatamente la tua banca.
  • Se pensi che il tuo codice CVV possa essere stato rubato, segnalalo immediatamente alla istituto emittente.

Note finali

Il codice CVV è una misura di sicurezza fondamentale per proteggere le transazioni effettuate con la carta di credito. Mantenere al sicuro il codice CVV significa proteggere i tuoi dati finanziari e prevenire possibili frodi. Ricorda sempre di prestare la massima attenzione quando condividi i tuoi dati di pagamento online e di utilizzare strumenti come una VPN per proteggerti al meglio.

La sicurezza online inizia con un semplice clic.

Resta al sicuro con la VPN leader a livello mondiale


Diamo valore alla tua privacy

Questo sito web utilizza i cookie per offrirti un'esperienza più sicura e personalizzata. Accettando, accetti l'uso di cookie per pubblicità e analisi, in linea con la nostra Informativa sui cookie.