Il tuo indirizzo IP: Nessun dato · Il tuo stato: Protezione garantitaNon protettoNessun dato

Come bloccare un sito pericoloso o indesiderato

A tutti è capitato almeno una volta nella vita di finire su un sito pericoloso e scaricare un malware. Certo, spesso basta fare un po’ di attenzione per evitare di cadere in questi tranelli, ma la cosa migliore da fare è implementare delle soluzioni di sicurezza che permettono di bloccare questi siti. Per farlo è di solito sufficiente accedere alle impostazioni del proprio browser ed elencare i siti da bloccare, ma ci sono anche molti altri metodi più efficaci.

Ruth Matthews

Ruth Matthews

Come bloccare un sito pericoloso o indesiderato

Bloccare l’accesso a un sito pericoloso da computer

Quando si utilizza un PC, il modo più semplice per bloccare i siti indesiderati è modificare le impostazioni del browser utilizzato, o installare dei plug-in appositi.

Google Chrome

La soluzione più semplice per chi usa Chrome è quella di installare Block Site, un’apposita estensione che permette di bloccare i siti indesiderati semplicemente visitandoli. Basta infatti accedere al sito scelto, aspettare che venga caricata la pagina iniziale, e selezionare l’opzione “Block this site”. Il sito verrà quindi immediatamente bloccato, e ogni volta che si proverà ad accedervi verrà visualizzato un messaggio di avviso.

Per rendere questa operazione ancora più sicura, è consigliabile impostare una password per le modifiche a Block Site: in questo modo, nessuno potrà bloccare o sbloccare siti. Questo è molto importante se si condivide il computer con altri.

Firefox

Anche per Firefox esistono varie estensioni che permettono di bloccare l’apertura di pagine indesiderate, e una delle migliori è LeechBlock. Una volta installata, è sufficiente accedere alle sue impostazioni all’interno del browser e inserire gli indirizzi dei siti che si desidera bloccare.

Questo metodo è più sicuro di quello utilizzato da Block Site, perché non richiede di visitare il sito che si ritiene pericoloso. In questo modo, si può avere la certezza di non rischiare di cadere vittima di un attacco informatico.

Safari

Anche il browser di casa Mac permette di bloccare siti partendo dal loro URL, in modo molto più immediato rispetto a quello dei suoi rivali. È infatti sufficiente accedere alle impostazioni di iOS per creare un nuovo account di sistema soggetto a controlli parentali, che consentono di attivare un filtro per restringere l’accesso ai siti per adulti e di inserire gli indirizzi dei siti che si desidera bloccare completamente.

Affinché il blocco sia attivo, però, bisogna ricordarsi di accedere al computer utilizzando l’account così creato, e non l’account amministratore o altri account creati in precedenza.

Bloccare l’accesso a un sito pericoloso da smartphone

Quando si utilizza un cellulare, non è possibile utilizzare le estensioni per i browser, a meno di ricorrere ad alcune soluzioni piuttosto complicate. La soluzione più semplice per bloccare l’apertura di pagine indesiderate è quindi quella di sfruttare applicazioni apposite o direttamente le impostazioni del sistema operativo.

Android

Per bloccare un sito su Android si può utilizzare l’app Hosts Go, disponibile anche per chi non ha eseguito il root del proprio dispositivo. Quest’app permette di modificare il file host di Android, in modo da impedire l’apertura di determinate pagine indesiderate.

Una volta installata, è molto semplice da utilizzare: nelle sue opzioni, basta inserire gli indirizzi dei siti che si vuole bloccare. Il blocco è valido soltanto quando Hosts Go è in esecuzione, quindi bisogna fare sempre molta attenzione a non chiuderla.

iPhone

Il sistema Apple dispone di una funzionalità integrata che permette di bloccare siti indipendentemente dal browser utilizzato. Nelle impostazioni di sistema si può trovare l’opzione “Tempo di utilizzo”, che permette di attivare il blocco di determinati siti: si può utilizzare il filtro già pre-impostato che impedisce l’accesso ai siti per adulti, oppure inserire nuovi siti.

Bloccare le notifiche dai siti pericolosi

Un aspetto piuttosto fastidioso di certi siti, che può rivelarsi a volte veicolo di malware, è l’invio di notifiche al computer dell’utente. Per disattivarle, è sufficiente accedere alle impostazioni del proprio browser preferito e selezionare l’opzione apposita, solitamente situata tra le impostazioni di privacy e sicurezza.

In particolare, per chi usa Android:

1. Aprire l’app Chrome sul proprio smartphone o tablet.

2. Quando, durante la navigazione, si incontra un sito da cui non si vogliono ricevere notifiche, cliccare sui tre puntini in alto a destra, a fianco della barra degli indirizzi.

3. Accedere alle Impostazioni.

4. Scorrere la pagina fino alla voce Impostazioni sito e selezionarla.

5. Cliccare sulla voce Notifiche e disattivare l’opzione.

Metodi generali per bloccare i siti indesiderati

Intervenire direttamente sul browser è il metodo più semplice e immediato per bloccare siti pericolosi che potrebbero essere utilizzati da un hacker per eseguire un attacco. Questo metodo è però limitato, perché non protegge quando si accede ai siti utilizzando altre app, come ad esempio le app di messaggistica che hanno un semplice browser integrato. In questi casi, l’unico modo per navigare in tutta sicurezza è quello di ricorrere a soluzioni più generali.

Usare una VPN

Grazie alla tecnologia Threat Protection, la VPN online di NordVPN permette di attivare delle funzionalità di sicurezza che permettono di bloccare in automatico i siti sospetti. Non c’è nemmeno bisogno di inserire gli indirizzi dei siti ritenuti pericolosi, perché è la VPN stessa a riconoscerli. Inoltre, permette anche di nascondere o eliminare tutti quei messaggi pop-up che compaiono all’apertura di una pagina e che, oltre a essere decisamente fastidiosi, possono anche nascondere delle insidie.

Proteggi la tua identità online e i tuoi dati con NordVPN.

Installare un firewall

I firewall permettono di impostare dei filtri in grado di bloccare l’accesso a determinati siti indicandone il loro indirizzo IP. Installando un firewall sul proprio router e attivando gli appositi filtri, si può quindi bloccare certi siti per tutti i dispositivi collegati alla rete locale. Questa soluzione è molto più pratica rispetto all’intervenire direttamente su ogni dispositivo utilizzato, ed è consigliata anche per assicurarsi che la propria rete Wi-Fi sia protetta da qualsiasi tipo di attacco esterno.

Installare un antivirus

Installare un antivirus sui propri dispositivi è sempre una buona idea. Anche se non serve a bloccare i siti pericolosi, permette di difendersi nel caso si scarichi accidentalmente un virus o un malware. È quindi l’ultima linea di difesa contro un attacco informatico, ed è una soluzione che andrebbe usata in combinazione con un firewall o una VPN, come ad esempio quella di NordVPN, che permette di accedere anche a funzionalità aggiuntive come Threat Protection e Meshnet.

La sicurezza online inizia con un semplice clic.

Resta al sicuro con la VPN leader a livello mondiale


Ruth Matthews
Ruth Matthews Ruth Matthews
Ruth Matthews è una content manager di NordVPN. Avendo sempre avuto interesse nella sicurezza dei dati e nella privacy digitale, studia regolarmente l'argomento e condivide le sue intuizioni con i lettori.

Diamo valore alla tua privacy

Questo sito web utilizza i cookie per offrirti un'esperienza più sicura e personalizzata. Accettando, accetti l'uso di cookie per pubblicità e analisi, in linea con la nostra Informativa sui cookie.